Linea diretta con il sindaco
Amministrazione trasparente
Nuova modalita di fatturazione
Posta elettronica certificata
Il comune informa
Olio di Chiaramonte Gulfi
Natiblei - Programma di sviluppo rurale

Tu sei qui

Declassificazione strade provinciali

Il sindaco Nicastro chiede nuovi incontri alla Provincia per ridiscutere la questione della declassificazione di strade provinciali a strade comunali

  Il sindaco di Chiaramonte Gulfi, Giuseppe Nicastro, in qualità di coordinatore provinciale Anci, ha inviato, questa mattina, una nota al presidente della Provincia regionale, Franco Antoci, e all'assessore provinciale alla Viabilità, Giovanni Venticinque, avente ad oggetto la questione della declassificazione delle arterie stradali da provinciali a comunali. "Trascorsi ormai diversi mesi – scrive Nicastro – dalle consultazioni tenute fino ad aprile con i vari Comuni interessati alle pressanti problematiche connesse al trasferimento di alcune strade provinciali, va purtroppo constatato che tale lodevole iniziativa non ha avuto alcun seguito. E ciò nonostante il risalto che la stessa Provincia aveva inteso dare a quegli incontri, nonostante gli impegni espressi in quelle occasioni e nonostante l'ulteriore attenzione che lo stesso Consiglio provinciale aveva manifestato sull'argomento attraverso l'indizione di una propria seduta aperta sul tema tanto dibattuto".
"Il nulla seguito a tali iniziative mi impone - prosegue Nicastro - nella mia duplice qualità di coordinatore provinciale dell'Anci oltre che di sindaco di un Comune direttamente interessato alle suddette problematiche, a chiedere all'Amministrazione provinciale, sulla scia degli impegni assunti e delle consultazioni svolte, di formulare proposte concrete di soluzione, da sottoporre alla valutazione delle nostre amministrazioni comunali per potersi confrontare sulle stesse al più presto, attesa la ben nota urgenza delle problematiche e la rilevanza degli interessi pubblici coinvolti nei trasferimenti delle arterie in questione".
Nicastro chiede dunque di fissare "nuovi incontri che consentano di giungere alle conclusioni più volte auspicate".